Come faccio a sapere che versione di WordPress c’è sul mio sito?

Come faccio a sapere che versione di WordPress c’è sul mio sito?

Ecco tre metodi per controllare la versione di WordPress:

  • Metodo 1: controllo della versione di WordPress nell’area di amministrazione
  • Metodo 2: controllo della versione di WordPress nella sorgente della pagina
  • Metodo 3: controllo della versione di WordPress nel file version.php

Facciamo un preambolo. 

Perché devi controllare la tua attuale versione di WordPress?

WordPress è in continuo miglioramento. Ad ogni iterazione, questo CMS offre nuove funzionalità, nonché aggiornamenti di prestazioni e sicurezza. Pertanto, assicurati che il tuo sito funzioni con l’ultima versione per godere di tutti i vantaggi.

Inoltre, la versione di WordPress influisce anche sulla compatibilità di temi e plugin. In altre parole, se aggiorni regolarmente il tuo WordPress, sarai in grado di provare nuovi design e strumenti.

Ma prima di farlo, dovresti scoprire la versione che stai utilizzando.

Verifica se è simile a quello visualizzato nella pagina di download di WordPress.

In questo modo, saprai se hai bisogno di un aggiornamento o meno. Quindi, senza ulteriori indugi, impariamo come controllare la tua attuale versione di WordPress.

Metodo 1: controllo della versione di WordPress nell’area di amministrazione

Ci sono due posti dove puoi controllare la versione corrente di WordPress nell’area di amministrazione di WordPress, vale a dire:

Nella sezione Aggiornamenti – Accedi al tuo WordPress e vai alla Bacheca -> sezione Aggiornamenti. Qui vedrai quale versione di WordPress stai utilizzando e anche l’ultima versione di WordPress disponibile.

wp updates

Versione corrente di WordPress nella sezione Aggiornamento della dashboard di WordPress Se scopri di non avere la versione più recente, assicurati di eseguire il backup del tuo sito prima di procedere con l’aggiornamento di WordPress.

A piè di pagina – Scorri verso il basso fino a qualsiasi pagina dell’area di amministrazione fino ad arrivare al piè di pagina. Dovresti essere in grado di vedere la versione corrente di WordPress accanto al testo “Grazie per aver creato con WordPress”.

Versione corrente di WordPress a piè di pagina dell’area di amministrazione di WordPress Nota che queste informazioni sono disponibili solo per la versione di WordPress 4.1.5 e successive. Anche le visualizzazioni da dispositivo mobile non sono ancora supportate.

Metodo 2: controllo della versione di WordPress nella sorgente della pagina

Se non riesci ad accedere alla dashboard di WordPress, puoi vederlo tramite la sorgente della pagina del tuo sito web.

Di solito, i siti creati utilizzando WordPress riportano le informazioni sulla versione in un meta tag HTML. Per impostazione predefinita, il tema WordPress inserisce questo tag nel tuo sito web.

Per trovare la versione di WordPress tramite il meta tag:

Apri il tuo sito web su un browser web. Fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi del sito e selezionare l’opzione Visualizza sorgente pagina. Si aprirà una nuova scheda contenente il codice HTML sorgente della pagina.

Premi CTRL + F (Windows e Linux) o COMANDO + F (macOS) per aprire lo strumento di ricerca del browser. Digita “generatore” nel campo di ricerca e vedi se viene fuori qualcosa. Se il meta tag del generatore non è disabilitato, lo vedrai in questo modo:

<link rel = "EditURI" type = "application / rsd + xml" title = "RSD" href = "http://hostinger-dev-9.xyz/xmlrpc.php?rsd" />
<link rel = "wlwmanifest" type = "application / wlwmanifest + xml" href = "http://hostinger-dev-9.xyz/wp-includes/wlwmanifest.xml" />
<meta name = "generator" content = "WordPress 5.2.4" />

Dai risultati, nota che la nostra attuale versione di WordPress è la 5.2.4.

Una cosa importante da notare, consentire al tuo sito di mostrare la sua versione di WordPress tramite meta tag, è rischiosa. Sarà più facile per gli aggressori hackerare il tuo sito web se sanno che stai utilizzando un vecchio WordPress, che è meno sicuro.

Pertanto, ti invitiamo ad aggiornare il tuo WordPress non appena esce l’ultima versione. In alternativa, puoi nascondere del tutto il meta tag.

Se non riesci a vedere il tag sopra, significa che il tuo tema lo sta già nascondendo, il che è una buona misura di sicurezza. Ma se viene mostrato il meta tag del generatore, puoi disabilitarlo seguendo questi passaggi:

Accedi alla dashboard di WordPress. Quindi, vai su Aspetto -> Editor del tema.
Seleziona il tuo tema corrente e scegli il file functions.php. Incolla il codice seguente nella parte inferiore del file:

remove_action ('wp_head', 'wp_generator');

Premere Aggiorna file per salvare le modifiche.

Metodo 3: controllo della versione di WordPress nel file version.php

Questo è il metodo più affidabile per visualizzare la tua attuale versione di WordPress. Tuttavia, richiede anche la maggior parte del tempo.

Connettiti al tuo account di hosting utilizzando il file manager integrato o un client FTP, come FileZilla.
Quindi, vai alla directory di installazione di WordPress (di solito è public_html) e apri la cartella wp-includes.
Cerca un file chiamato version.php e aprilo. La versione della tua installazione di WordPress sarà sulla riga 16, che dovrebbe essere simile a questa:

$ wp_version = '5.2.4';

Versione di WordPress nel file version.php

 wp version php file

Non preoccuparti. Altri non saranno in grado di vedere questo file perché le informazioni sono scritte nella variabile PHP e non fanno parte dell’HTML della pagina. In questo modo, nessun dettaglio della versione viene visualizzato quando il tuo sito viene aperto su un browser web.

In conclusione…

Controllare la versione corrente di WordPress è la prima cosa che devi fare prima di aggiornare il tuo WordPress. Ti informa se hai bisogno di un aggiornamento per migliorare la sicurezza e le prestazioni. Saprai anche se un determinato tema o plugin è compatibile o meno con il tuo sito.

Abbiamo visto i tre metodi per scoprire quale versione di WordPress stai utilizzando.

Per riassumere, esaminiamo ogni opzione:

  1. Tramite l’area di amministrazione: questo è il metodo più semplice dei tre, che richiede solo l’accesso alla dashboard di WordPress.
  2. Tramite la sorgente della pagina: ti consente di vedere la versione corrente di WordPress tramite il meta tag del generatore della tua pagina. Tuttavia, ti suggeriamo di nascondere le informazioni ai visitatori.
  3. Tramite il file version.php – usa il tuo file manager di hosting o client FTP per individuare questo file su / public_html / wp-includes /

In bocca al lupo!

Ps: se ti interessa questo articolo molto probabilmente ti piacerà anche questo

Gli errori di Copertura nella Search Console di Google

 

Le 4 P del Marketing Mix nel 2020

Le 4 P del Marketing Mix nel 2020

Le 4 p del marketing mix …

Probabilmente ne hai sentito parlare da un amico, ne hai letto in un libro o persino le hai studiate a scuola.

So che sembra un argomento noioso, ma c’è molto di più dietro di quello che sembra.

E no! Non è solo per le grandi aziende … più sei piccolo, più è importante per te saper sfruttare le 4P.

Quindi, prima di immergerci nelle 4 p singolarmente, prima di tutto analizziamo cosa significano come insieme …

Quali sono le 4 P del marketing mix?

Le 4 p del marketing sono un famoso concetto che sintetizza i 4 pilastri di base di qualsiasi strategia di marketing: prodotto, prezzo, distribuzione – place, in inglese – e promozione.

4p marketing mix 2020

Sembra tutto semplice e lo è davvero. La parte difficile è implementare punto per punto, vedremo come in seguito.

L’idea alla base della teoria è che se le azionerai per le tua attività, otterrai più vendite. Ma purtroppo niente è così automatico, senza un po’ di preparazione e perseveranza.

l’origine delle 4 P del marketing mix

L’origine del concetto, noto anche come marketing mix, risale al 1960 quando McCarthy lo introdusse nel suo libro Basic Marketing: A Managerial Approach.

So che è passato tanto tempo, ma è incredibilmente valido ancora oggi.

Ora possiamo entrare nel dettaglio di in ogni P …

Prodotto

Il prodotto è ciò che l’azienda vende.

Potrebbe essere un prodotto come una bibita nel settore delle bevande o abiti in un negozio di abbigliamento. O potrebbe anche essere un software come Octorate o Octotable.

Potrebbero anche essere servizi, come la consulenza a pagamento o anche una sessione di terapia.

In breve, il prodotto è tutto ciò che viene messo a disposizione del consumatore.

Nella strategia delle 4 P del marketing mix, definire questo significa capire di cosa ha bisogno la tua offerta per distinguersi dalla concorrenza e conquistare i clienti.

In altre parole, cosa rende il tuo prodotto così eccezionale o unico? Perché se non ti distingui, sarà difficile prosperare.

Ad esempio, potresti conoscere Octorate, la nostra soluzione gestionale per Alberghi, Bnb e Affitti Turistici, ma probabilmente conosci anche una manciata dei nostri concorrenti?

Qual è la cosa più importante che distingue il mio prodotto da tutti gli altri?

Per differenziarci dalla concorrenza, per esempio, in Octorate ci concentriamo sull’usabilità. Il nostro obiettivo è rendere il software davvero facile da usare, soprattutto se sei nuovo nel settore o se non sei particolarmente tech-savvy. E offrirti il miglior servizio di supporto grazie alla nostra community e alle sessioni di formazione one-to-one.

D’altro canto i nostri concorrenti sono molto concentrati ad ingaggiare grandi catene alberghiere. Mentre noi abbiamo costruito qualcosa per un mercato target diverso, anche se ci troviamo comunque in un mercato affollato.

Come creare un prodotto straordinario che i tuoi clienti adorano

Voglio che tu faccia qualcosa di semplice … vai su Hotjar, registra un account gratuito e crea un sondaggio da installare sul tuo sito, per i tuoi utenti. Proprio come quello che ha creato Neil Patel per il suo prodotto Ubersuggest, un tool di web marketing particolarmente utile per chi si occupa di SEO.

Sondaggio: cosa saresti disposto a pagare 30$ al mese?

Ora, Neil Patel è un marketer esperto, uno dei migliori.

Come ha fatto lui, ti consiglio di porre domande aperte tipo:

  • Qual è il problema più grande che posso aiutarti a risolvere? (Questo ti darà un’idea di ciò che il tuo prodotto deve fare)
  • Qual è il tuo prodotto di marketing preferito e perché? (sostituisci la parola “marketing” con qualunque settore ti trovi … questa domanda ti dà un’idea di quale sia la concorrenza e di cosa stiano facendo bene)
  • Perché sei venuto qui oggi? (Questo ti dirà perché le persone vengono sul tuo sito e cosa stanno cercando)
  • Come possiamo migliorare il nostro prodotto? (È fantastico se hai già un prodotto quanti feedback reali puoi ottenere e il loro valore)
  • Cosa non ti piace di COMPETITOR ABC? (Sostituisci il competitor ABC con il nome del tuo concorrente … questa domanda ti dice dove c’è un’opportunità)

Presta particolare attenzione all’ultima domanda. Ti aiuta davvero a identificare come puoi differenziarti dalla concorrenza.

Prima di andare a costruire un nuovo prodotto – o migliorare il tuo se ne hai già uno, non investire troppo tempo e denaro senza raccogliere feedback.

Ad esempio, per aggiungere una nuova funzionalità a Octorate non ci chiudiamo in laboratorio. Partiamo dalle richieste degli utenti, progettiamo un MVP agile, lo facciamo usare a un gruppo di beta-tester particolarmente attivi e collaborativi, raccogliamo i loro feedback e poi ci regoliamo da lì per lanciare la prima versione ufficiale.

In questo modo non si perdono mesi a costruire un prodotto che poi non vuole usare nessuno.

Prezzo

Il prezzo è semplice, si riferisce a quanto addebiti per il tuo prodotto o servizio.

E sebbene sia semplice da capire, è davvero difficile trovare il prezzogiusto“. Quello che non porta solo il maggior numero di vendite ma genera anche il massimo profitto.

La vera domanda è: come vuoi essere percepito?

Amazon vuole essere il luogo in cui è possibile ottenere i prodotti più apprezzati dalla A alla Z. E, naturalmente, consegnati a un ritmo veloce, è conveniente per te.

Esiste una società negli USA, Imperia Caviar, che offre caviale di fascia alta a prezzi bassi. È in grado di ottenere lo stesso caviale che i grandi marchi fanno pagare migliaia di dollari.

4 P del marketing Prezzo

Penseresti che avendo un prezzo economico sta scontando il suo marchio, ma invece sta portando trasparenza al mercato e istruendo le persone su come il caviale non sia davvero così costoso … è in realtà solo uno stratagemma di marketing.

Anche Octorate ha un approccio simile. Strumenti per il business ed educazione professionale nel nostro settore non dovrebbero essere così costosi. Quindi offriamo spesso funzioni gratuite o in promo super economiche.

Nel caso di un software a subscription, come il nostro, ci sono alcune metriche specifiche da tenere sotto controllo per assicurarsi che queste politiche di prezzo stiano rafforzando il brand nel rapporto con i suoi clienti, e non viceversa. 

Queste metriche sono: i rinnovi, il churn o tasso di abbandono, gli upsell.

Guardiamo ai dati.

Basta fare un confronto su Google trends di come è cambiato l’interesse delle persone in Italia negli ultimi 5 anni tra Sky Italia e Netflix, che è un riferimento fondamentale del modello di software a subscription.

Netflix SaaS

Il brand sembra tutt’altro che indebolito  🙂

Eppure non funziona sempre così.

La Ferrari sarebbe la Ferrari se potessi comprarne una a 10.000 Euro? Probabilmente no.

Come scegliere il prezzo giusto per il tuo prodotto

Non sono un esperto di prezzi, quindi non voglio dirti a che prezzo vendere il tuo prodotto. Ma ti suggerisco di leggere il blog di Price Intelligently. Quei ragazzi sanno valutare i dati e hanno dozzine di articoli che ti insegneranno esattamente come valutare il tuo prodotto Рil blog ̬ in inglese.

È importante pensare ai prezzi, soprattutto se ti trovi in ​​un mercato affollato. La mia regola empirica è: se ti trovi in ​​un nuovo mercato o sei già un leader, puoi addebitare un importo premium.

Altrimenti, se il tuo spazio è saturo e sei in ritardo sul mercato, ti consiglio di scegliere una politica di prezzo più economica (se non il prezzo più economico in assoluto).

Alcune domande che dovresti porti sono:

  • Quale sarebbe il prezzo più basso che sei disposto a vendere il tuo prodotto?
  • Quale sarebbe il prezzo più alto che i consumatori sarebbero disposti a pagare?
  • Quanto sono sensibili i prezzi ai tuoi clienti?
  • Quali prezzi fanno pagare gli attuali leader nella tua nicchia?
  • Come si confronta il tuo prezzo con la concorrenza?

 

Posizione

Distribuzione e logistica sono altre parole per descrivere il concetto della posizione nelle 4 P del marketing mix.

Come si dice spesso il marketing è questione di … posizione, posizione, posizione.

Devi scegliere una posizione dove si trovano i tuoi clienti. Non aspettarti che vengano da te, devi andare tu da loro.

Come scegliere il posto giusto

Il web è un mondo virtuale. E sebbene la posizione possa sembrare irrilevante, in realtà non lo è.

Vedila in questo modo … Se mettessimo l’azienda per cui lavoro su Tiktok, cosa pensi succederebbe?

Bene, non troverei nuovi clienti perché nessuno dei miei clienti ideali è su Tiktok.

tiktok ads

Pensi che un gruppo di ragazzi dai 16 ai 24 anni sia alla ricerca di un software per aumentare prenotazioni e profittabilità di Alberghi e Bnb? Non è così.

Pensa invece alle piattaforme e ai “posti” dove si trovano i tuoi clienti ideali e vai diretto lì.

Potrebbe essere un sito specifico come Google o anche un luogo offline come le conferenze, che sono spesso super efficaci nel B2B. Non limitarti a cercare di attirare i tuoi clienti. Vai dove sono i tuoi clienti … è molto più facile.

Ecco alcune semplici domande che devi farti regolarmente per trovare il posto giusto.

  • Dov’è il tuo cliente?
  • Quali punti vendita (online e offline) vendono il tuo prodotto?
  • Quali canali di distribuzione funzionano attualmente per te?
  • Vendi direttamente ad aziende o consumatori?
  • Vendi direttamente al cliente finale o devi passare attraverso intermediari?
  • Dove sono i tuoi concorrenti?

Il cliente dovrebbe essere sempre il motore delle tue decisioni. Quando ti poni queste domande, è importante considerare sempre anche gli aspetti che abbiamo visto prima parlando del prodotto.

 

Promozione

La mia P preferita è… 

Promozione!

Dopo aver ottimizzato le 3 P precedenti, è tempo di promuovere la tua offerta.

E per essere chiari, quando si parla di promozione non stiamo solo parlando di lanciare il tuo brand … Stiamo parlando di generare entrate.

Qual è il punto della promozione se non riesci ad aumentare le vendite?

E con tutti i canali disponibili sul Web, quali utilizzi per primi?

Bene, voglio che tu vada su SimilarWeb e inserisca l’URL del tuo concorrente nel campo di ricerca.

Se sono grandi, vedrai i dati su quanto traffico stanno generando … per quali parole chiave sono posizionati su Google … i siti che che ne parlano … e anche quante condivisioni social stanno generando.

Se sono piccoli, non vedrai alcun dato. Dovrai inserire un concorrente più grande.

similarweb overview

SimilarWeb – Overview

similarweb analisi del traffico organico

SimilarWeb – Analisi del traffico organico

similarweb analisi social referral

SimilarWeb – Social

similarweb analisi dei competitor

SimilarWeb – Analisi della concorrenza

La cosa interessante del Web oggi, rispetto a quando ho iniziato a dedicarmi al marketing online, è che ci sono tonnellate di strumenti che ti semplificano la vita. Quindi usali a tuo vantaggio. 🚀

Come promuoverti bene?

Voglio che inizi a porti le seguenti domande:

  • Quali canali utilizza maggiormente il tuo pubblico per informarsi e intrattenersi?
  • Quale tipo di messaggio tende ad essere più efficace per promuovere le tue offerte?
  • Qual è il periodo ideale per promuovere il tuo prodotto?
  • C’è qualche flessione da considerare per la stagionalità?
  • In che modo i tuoi concorrenti pianificano e realizzano la loro promozione?

Ancora una volta, puoi usare gli strumenti che ho menzionato sopra per aiutarti a rispondere. Un’altra cosa che consiglio vivamente è di consultare la Libreria degli annunci di Facebook.

Ti mostrerà gli annunci pubblicati dalla concorrenza e, soprattutto, i messaggi che utilizzano.

Ora, non ti annoierò a morte in merito ai suggerimenti per la promozione dato che trovi già tonnellate di post tra i miei articoli e sul nuovo blog. Ma ti invito a considerare tutti questi canali ogni volta che crei un piano per promuoverti:

  • SEO
  • Social media
  • Annunci di Google
  • Annunci di Facebook
  • Marketing di affiliazione
  • Content marketing
  • E-mail

 

In conclusione

Le 4 P del marketing mix possono sembrare un concetto noioso e datato, ma sono essenziali.

Senza di loro, come ti distinguerai dalla concorrenza? È davvero importante distinguersi.

A nessuno importa un’altra azienda “lo faccio anch’io”. Vogliamo tutti qualcosa di unico, speciale … qualcosa in cui rispecchiarsi.

E come lo ottieni?

Sfruttando le 4 P del marketing.

E ora, come userai le 4 P del marketing mix?

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche:

Le 22 immutabili leggi del Marketing

Le 22 immutabili leggi del Marketing

Le 22 immutabili leggi del Marketing

🧞‍♂️ Al Ries e Jack Trout sono due maestri del Marketing ðŸ§žâ€â™‚️

Dall’osservazione e dall’analisi delle strategie di grandi aziende, hanno elaborato ventidue principi, delle vere e proprie “leggi”, ispirate a criteri di buon senso che a lungo termine vengono premiate dal mercato ðŸ¥‡

Nonostante siano passati parecchi anni dalla prima edizione del libro, che risale al 1993, resta un cardine della materia

☝🏻

Ed è ancora molto attuale, proprio perché immutabile.

Eccole qui. Le 22 Leggi del Marketing âš–️

#1 La legge della Leadership ðŸŒ®

È meglio essere i primi che meglio degli altri.

Il marketing è una battaglia di percezioni, non di prodotti. È molto più facile entrare per primi nella testa della gente che convincerla che il nostro prodotto è migliore di quello che è arrivato per primo.

#2 La legge della Categoria ðŸŒ¶

Se non potete essere primi di una categoria, inventatene una nuova in cui diventarlo.

Quando lanciate un nuovo prodotto, la prima domanda che dovete porvi non è “in che cosa questo nuovo prodotto è migliore della concorrenza?” ma “in quale categoria questo prodotto è il primo?”.

#3 La legge della Mente ðŸ”®

È meglio essere primi nella mente del potenziale cliente che i primi sul mercato.

Se il marketing è una battaglia di percezione e non di prodotti, allora la mente ha la precedenza sul mercato.

#4 La legge della Percezione ðŸ‘ƒðŸ»

Il marketing non è una battaglia di prodotti, è una battaglia di percezioni.

Non esistono i prodotti migliori. Nel mondo del marketing esistono solo percezioni nella mente del cliente effettivo o potenziale.

#5 La legge della Focalizzazione ðŸ”Ž

Il concetto più potente del marketing è possedere una parola nella mente del potenziale cliente.

#6 La legge dell’Esclusività ðŸ†

Due aziende non possono possedere la stessa parola nella mente del cliente potenziale.

#7 La legge della Scala ðŸ§—🏻‍♂️

La strategia da usare dipende quale piolo della scala occupate.

La vostra strategia di marketing deve dipendere dalla tempestività con cui siete entrati nella testa della gente e, di conseguenza, da quale gradino della scala occupate. Più in alto siete, meglio è.

#8 La legge della Dualità ðŸƒðŸ»â€â™‚️🏃‍♂️

A lungo andare ogni mercato diventa una corsa a due cavalli.

All’inizio una nuova categoria è una scala con molti pioli, ma gradualmente la scala diventa una faccenda a due pioli.

#9 La legge dell’Opposto âš”️

Se vi battete per il secondo posto, la vostra strategia è dettata dal leader.

Nella forza c’è la debolezza. Se il leader è forte, un aspirante numero due dovrebbe sfruttare la forza del leader facendone una debolezza. Non cercate di essere migliori, cercate di essere diversi. Dovete scoprire l’essenza del leader e presentare l’opposto al cliente. Invece di emulare il leader, presentatevi come un’alternativa.

#10 La legge della Divisione âœ‚️

Nel tempo una categoria si dividerà in due o più categorie.

Ogni segmento è un’unità separata e distinta e ha il suo leader, che raramente è lo stesso della categoria originale.

#11 La legge della Prospettiva ðŸ”­

Gli effetti del marketing si fanno sentire nell’arco di un periodo di tempo prolungato.

Gli effetti a lungo termine sono spesso il contrario di quelli a breve termine. Pensiamo ai saldi: nel breve periodo aumentano il volume di affari dell’azienda, ma nel lungo periodo ci sono vari casi che dimostrano che i saldi riducano gli affari perché educano i clienti a non comprare a prezzi “normali” (in sostanza i saldi comunicano che i vostri prezzi normali sono troppo alti).

#12 La legge dell’Estensione di una linea di prodotti ðŸ™

C’è una pressione irresistibile a estendere il patrimonio di una marca.

Meglio essere forte in qualche cosa che debole in tutto. Di più è meno: più prodotti, mercati, alleanze un’azienda realizza, meno soldi farà. Meno è più: per avere successo è meglio focalizzarsi su un determinato prodotto e costruirsi una posizione nella mente del potenziale cliente.

#13 La legge della Sacrificio ðŸ’ªðŸ»

Bisogna rinunciare a qualcosa per ottenere qualcosa.

Le cose da sacrificare sono tre: la linea di prodotti (meglio ridurre la linea di prodotti che espanderla), il target di mercato (chi l’ha detto che dovete essere interessanti per tutti?) e il cambiamento costante (dove sta scritto che bisogna cambiare strategia ogni anno?).

#14 La legge degli Attributi ðŸ”´ðŸ”µ

Per ogni attributo esiste un attributo contrario ed efficace.

Troppo spesso le aziende cercano di emulare il leader, ma non è una buona idea. Meglio cercare un attributo opposto in grado di contrapporvi al leader.

#15 La legge della Sincerità ðŸ˜‡

Se ammettete una qualità negativa, il cliente potenziale ve ne riconoscerà una positiva.

L’onestà è la miglior politica. Uno dei modi più efficaci per entrare nella testa del potenziale cliente è prima ammettere un fatto negativo, e poi trasformarlo in qualcosa di positivo.

#16 La legge della Singolarità ðŸŽ©

In ogni situazione solo una mossa produce risultati sostanziali.

Alcuni vedono il successo come la somma di piccoli sforzi eseguiti magistralmente, ma la storia insegna che nel marketing l’unica cosa che funziona è la singola mossa audace.

#17 La legge dell’Imprevedibilità ðŸŽ²

A meno che non scriviate i piani dei vostri concorrenti, non potete prevedere il futuro.

Una ricerca di mercato permette di misurare il passato, ma nessuno può prevedere il futuro con il minimo grado di certezza. Né i piani di marketing dovrebbero tentare di farlo.

#18 La legge del Successo ðŸ‘¿

Il successo spesso porta all’arroganza, e l’arroganza porta al fallimento.

La presunzione è nemica del successo nel marketing. Quel che occorre è obiettività. MA quando la gente ha successo tende a diventare meno obiettiva e spesso sostituisce il proprio giudizio a ciò che vuole il mercato.

#19 La legge del Fallimentoʉݩ

Il fallimento va messo in conto e accettato.

Troppe aziende cercano di sistemarle cose invece di lasciarle perdere. A volte la strategia migliore è quella di riconoscere tempestivamente il fallimento e limitare le perdite.

#20 La legge della Montatura Pubblicitaria ðŸŽ­

La situazione è spesso il contrario di come appare sulla stampa.

Se le cose vanno bene, un’azienda non ha bisogno di montature pubblicitarie. Viceversa quando avete bisogno di montature pubblicitarie, solitamente vuol dire che siete nei guai.

#21 La legge dell’Accelerazione ðŸŒŠ

I programmi di successo non sono costruiti su mode passeggere, sono costruiti sulle tendenze.

Una moda passeggera è l’equivalente di un’onda nell’oceano, mentre una tendenza è come la corrente. Come l’onda una moda passeggera è molto visibile ma sale e scende con grande rapidità. Come la corrente, una tendenza è quasi invisibile ma è molto potente nel lungo termine. Una soluzione per garantire che la domanda del vostro prodotto si mantenga nel lungo termine è quella di non soddisfarla mai del tutto.

#22 La legge delle Risorse ðŸ’Ž

Senza finanziamenti adeguati, un’idea non può decollare.

Nemmeno l’idea migliore del mondo andrà molto lontano senza i soldi per farla decollare. Il marketing è un gioco che si combatte nella mente del cliente potenziale. Ma per entrare in quella mente servono i soldi.

🤺

Queste sono le 22 immutabili leggi del marketing. E se le ignori lo fai a tuoi rischio e pericolo! ðŸ¤“

Dieci strategie di Local marketing per la SEO

Dieci strategie di Local marketing per la SEO

Chiunque sia coinvolto nella proprietà o nella gestione di un’attività sul territorio come un negozio, una struttura ricettiva, o qualsiasi altro commercio articolato su uno o più punti vendita, non può prescindere dal Local marketing: l’ottimizzazione delle attività locali sui motori di ricerca. Di seguito elenco la top ten dei consigli utili in materia di SEO locale e le novità più attese per il 2018.

  • 1 Local marketing: i dati dei clienti sono il vero vantaggio
  • 2 Il “comportamento off-line” aiuta a prevedere le azioni on-line
  • 3 Facebook influenza la ricerca locale
  • 4 I fattori di ranking nel Local marketing
  • 5 Il raggio del Local marketing si sta stringendo
  • 6 Le immagini di Google sono quelle più ricercate
  • 7 Oltre l’85% del brand engagement è locale
  • 8 Alcune aziende hanno ancora difficoltà con il local marketing
  • 9 Il Local Marketing e le recensioni degli utenti
  • 10 Nuove sfide per i media e le agenzie di marketing

Local marketing: il primo vantaggio riguarda i dati dei clienti

Spesso le PMI si sentono svantaggiate rispetto alle grandi aziende, perché non hanno le risorse e quindi la possibilità di acquistare pubblicità sui motori di ricerca e altri servizi di marketing che richiedono budget importanti per generare ricavi. Quello che sta aiutando molto le aziende è la possibilità di raccogliere dati sempre più accurati sui propri clienti, in modo da poter impostare l’analisi e le strategie di marketing sulla qualità dei risultatirispetto che sulla quantità.

Dati migliori, di conseguenza un targeting migliore, significa per le aziende locali costi minori, tassi di conversione più alti e, soprattutto, un maggiore ritorno sull’investimento.

Per fare un esempio, l’internet delle cose (Internet of Things, abbreviato IoT) sta guidando la raccolta dei dati molto più velocemente di quanto possono gli smartphone da soli. È stato stimato che dal 2020 ci saranno circa 50 miliardi di dispositivi connessi, inclusi i dispositivi indossabili e quelli presenti nelle case e nelle automobili. Sembra che nulla sia off-limits. Il fatto che sia già stato brevettato l’inchiostro per i tatuaggi, il mascara e le lenti a contatto connesse a internet, fa pensare che la tipologia e il volume di raccolta dei dati sia potenzialmente senza confini.

Avere i dati dei clienti giusti e non una semplice stima su scala è il nuovo vero vantaggio che il futuro ci riserva, in termini di marketing.

Local Marketing: il “comportamento off-line” aiuta a prevedere le azioni on-line

Sono state condotte molte ricerche per capire l’influenza del comportamento degli utenti on-line al fine di portare le persone fisicamente in negozio. Con questo intento le aziende vogliono sfruttare la possibilità di attribuire le visite reali in un punto vendita a un buon lavoro di marketing on-line.

Però la considerazione opposta è forse ancora più ficcante: è utile misurare le azioni off-line per prevedere il comportamento on-line dei naviganti.

Fino ad oggi la misurazione del comportamento off-line delle persone si limitava in gran parte a rilevare la posizione dei dispositivi mobili, ma l’IoT rimette in gioco una maggiore varietà e profondità di dati.

Conoscere le scelte, le azioni e il comportamento nella vita reale delle persone fa prevedere meglio le decisioni on-line, rispetto a quanto facciano i click, la cronologia delle ricerche e le visualizzazioni delle pagine di un sito web. Il comportamento off-line delle persone è un’immagine profonda e più completa del mondo reale, che genera indicatori di intenti più utili e accurati per prevedere le azioni degli utenti sul web.

Facebook influenza la ricerca locale

Prima del 2015 le funzionalità della local search di Facebook erano davvero pessime. Da allora sono stati apportati cambiamenti significativi che hanno reso Facebook un vero player del Local marketing. Facebook usa informazioni di localizzazione, una migliore indicizzazione e profili aziendali più ricchi, per offrire solidi risultati di ricerca agli utenti.

Il vantaggio di Facebook muove i passi dall’integrazione della sua vasta banca dati di informazioni personali nei risultati di ricerca, in modo da poter definire il targeting e il profiling delle persone con un’accuratezza senza precedenti.

I dati di Facebook forniscono informazioni su preferenzehobbygusticredenze e altri comportamenti personali che aiutano la piattaforma social a prevedere le intenzioni e le scelte delle persone in modo più approfondito, anche rispetto a Google.

Fattori di ranking nel Local marketing

Che sia per fronteggiare la concorrenza di Facebook o per altri motivi, il valore di Google da sempre è quello di offrire agli utenti risultati di ricerca in linea con le intenzioni delle persone e che diano i contenuti qualitativamente più utili ai fini della ricerca. Non sorprende, quindi, che Google stia guardando in modo più approfondito e più specifico ai fattori di ranking che determinano i risultati di ricerca dei suoi indici.

Così la SEO non può più essere uno standard uguale per tutti. Per essere ancora efficaci rispetto ai nuovi fattori di ranking, le strategie SEO devono essere pianificate in base alle caratteristiche verticali e ad altre caratteristiche specifiche di ogni azienda.

Anche se, ad esempio, le statistiche indicano che i contenuti con immagini accattivanti attirano più utenti, alcuni studi hanno mostrato che ai primi posti del ranking i siti di prodotti e servizi finanziari contengono il 40% di immagini in meno rispetto alla media del benchmark universale. Molti riscontrano un’alta percentuale di consumatori che abbandona un sito lento a caricarsi, eppure i siti che hanno il ranking migliore ci mettono in media tre secondi in più a caricarsi, rispetto a quelli del benchmark universale. A quanto pare noi utenti siamo disposti ad attendere qualche secondo in più per accedere a uncontenuto migliore e più pesante se è funzionale a soddisfare le nostre esigenze.

Per migliorare il posizionamento organico di un sito web nei risultati di ricerca il lavoro sui fattori di ranking tradizionali, come i backlink e la densità delle parole chiave nel testo, deve essere necessariamente calibrato in base al settore di riferimento e alla concorrenza. Cerca di comprendere i tuoi clienti e in che modo utilizzano il tuo sito web e come beneficiano dei suoi contenuti. Si affidano alle immagini per ottenere informazioni visive o cercano un testo dettagliato suddiviso in elenchi puntati più leggibili? I tuoi social networkcomunicano il tipo di immagine che cerchi di trasmettere? LinkedIn raggiunge il tuo pubblico meglio di Facebook?

Per salire di ranking devi rispondere a queste domande e creare un sito che mostri a Google quanto ti stia a cuore la pertinenza dei tuoi contenuti e il valore che generano per i tuoi clienti.

Il raggio del Local marketing si sta stringendo

Nonostante la crescita dell’e-commerce, a lungo si è creduto che la maggior parte degli acquisti avvenisse a livello locale. Uno studio condotto da Google a maggio del 2014 dal titolo â€œUnderstanding Consumers’ Local Search Behavior” ha mostrato che il 72% dei consumatori che ricerca informazioni locali su uno smartphone, visita negozi in un raggio massimo di 8 km da casa.

Recentemente altri studi hanno dimostrato che le persone restano ancora più vicine alla propria abitazione per fare acquisti frequenti come gas, generi alimentari, pasti fuori casa e al lavoro. I consumatori viaggiano in media solo sei minuti per fare il pieno alle loro auto e otto minuti per acquistare generi alimentari. Questo corrisponde a una distanza che va dai 3 ai 6 km se si viaggia in auto.

Dimostrato che le persone sono disposte a impiegare più tempo per fare spese meno frequenti come abbigliamento e riparazione auto, il 93% della popolazione impiega poco meno di 20 minuti per gli acquisti generici. Anche gli abitanti delle città, che rappresentano l’83% di tutti gli acquirenti, preferiscono distanze più brevi. Il 92% di essi impiega poco meno di 15 minuti. Ragionando in termini di distanze ciò significa 8 o 9 kmcon la macchina e poco meno con i mezzi pubblici o a piedi.

Per tali motivi, le imprese locali dovrebbero modificare le proprie strategie di marketing considerando il piccolo raggio percorso dai propri clienti e, quindi, investire di più nella SEO locale. Tra i potenziali clienti è giusto includere i residenti, i pendolari che lavorano nelle vicinanze e i viaggiatori extra-urbani.

Le immagini di Google sono quelle più ricercate

È importante essere a conoscenza del fatto che la ricerca su Google Immagini Ã¨ al secondo posto tra tutte le proprietà dell’azienda californiana e che per volumi è dietro solo a Google.com

Le immagini su Google sono cercate 10 volte più frequentemente che su Bing o Yahoo, e 40 volte in più rispetto a Facebook. Per Google la ricerca delle immagini costituisce un terzo di tutte le ricerche, addirittura meglio di Google Maps e di YouTube.

Molte aziende ancora non comprendono l’importanza di ottimizzare le immagini caricate sui loro siti, perdendo così tante occasioni di essere trovate on-line e guadagnare. L’ottimizzazione dei metadati, l’aggiunta di testo, aiuta Google a contestualizzare e indicizzare la grafica e le immagini. In soldoni, ti fa ottenere un ranking migliore. Tenendo a mente che anche le immagini contribuiscono a migliorare l’esperienza degli utenti sul tuo sito web, aumenterai il numero di accessi sul tuo sito migliorandone così il posizionamento negli indici del motore di ricerca. I fattori della UX (user experience) da considerare quando carichi un’immagine sono:

la qualità, la velocità di caricamento, la visibilità, il contesto, l’autenticità e l’appeal.

Oltre l’85% del brand engagement è locale

Alcuni importanti studi di settore hanno dimostrato che larga parte del contatto con il brand (tra l’85% e il 95%) ai giorni nostri avviene proprio tramite elenchi e directory locali, pagine web e altri risultati caratteristici della local search. Spesso insieme alla parola â€œlocal” si usa il termine â€œlocation”, quindi il concetto di â€œlocation data” nel marketing diventa un indicatore importante per descrivere la dimensione territoriale delle attività commerciali. Grazie a questo approccio viene stimato che nel 2018 il 50% dei brand di rilevanza internazionale userà i dati di localizzazione per definire meglio il target dei propri clienti.

La verità è che d’ora in avanti i marchi investiranno sempre di più sul marketing locale. Il 25% del budget allocato per il marketing dei maggiori brand internazionali viene già speso proprio per questo genere di attività. Nel 2016 sono stati spesi 12,4 miliardi di dollari dalle aziende statunitensi per la pubblicità â€œlocation-targeted”. Si prevede che questo importo crescerà fino a 32,4 miliardi di dollari nel 2021, l’equivalente del 45% di tutte le entrate pubblicitarie indirizzate verso i dispositivi mobili. Allo stesso modo dovrebbero comportarsi le piccole aziende, registrandosi sulle directory locali che il web mette a disposizione a costi sostenibili, con la possibilità di generare margini interessanti in termini di ritorno sull’investimento.

Alcune aziende hanno ancora difficoltà con il Local marketing

Anche se sempre più imprese hanno iniziato ad investire sul local marketing, l’importanza della SEO a livello locale non sembra ancora del tutto compresa.

Ristoranti, hotel e negozi sono le attività più visibili, mentre altre tipologie di aziende risultano poco presenti se non completamente omesse dai risultati della ricerca locale.

Per i potenziali clienti che cercano aziende nei paraggi tramite dispositivi mobili, le imprese che non sono registrate sulla mappa risulteranno totalmente inesistenti.

Un errore tipico che fanno le attività con più punti vendita è quello di registrare solo la sede centrale dell’azienda e di non lavorare sugli store locali. Alcune imprese, inoltre, non creano profili completi e aggiornati per ogni singolo punto vendita. Errori simili sono un’indice della scarsa dedizione agli aspetti della SEO che un certo tipo di mentalità imprenditoriale ancora non coglie. Carenze che precludono a queste attività la possibilità di brillare su migliaia di schermi di smartphone e negli occhi di altrettante persone che cercano business di qualsiasi genere ogni giorno sul web.

Il Local marketing  ha un ruolo anche nelle recensioni.

Social media e altri contenuti generati dagli utenti, come ad esempio le recensioni, sono il nuovo campo di battaglia dove si definisce la reputazione e l’identità delle aziende. Sono finiti i giorni in cui un team di PR poteva modellare indisturbato la percezione della qualità del prodotto o l’immagine aziendale tramite una serie di campagne controllate minuziosamente e senza interferenze esterne.

Le immagini e i video condivisi dai nostri clienti possono dipingere una realtà impossibile da rifiutare e un singolo consumatore può catturare in tempo reale l’attenzione del mondo con un semplice tweet. Movimenti come #DeleteUber hanno dato il potere a centinaia di migliaia di persone di unirsi per far sentire la propria voce. Le recensioni richiedono alle aziende responsabilità per ogni aspetto dell’esperienza del consumatore. Al contrario, quando sono positive, diventano un fattore di ranking locale dominante.

La reputazione diventa sempre meno un messaggio interno generato per le masse e sempre più il modo di gestire le opinioni del pubblico per provare a proteggere l’identità del brand. Tutte le aziende, anche le piccole attività, devono fare proprio questo aspetto e adattarsi al cambiamento.

Nuove sfide per i media e le agenzie di marketing

La tecnologia ha stravolto il mondo pubblicitario in diversi modi. I social media e i siti di recensioni hanno creato nuove modalità di promuovere le imprese grazie ai contenuti generati dagli utenti e alla loro gestione. Sempre più start-up e servizi pubblicitari innovativi combinano acquirenti e venditori in intrecci mai visti prima.

Al giorno d’oggi le principali piattaforme di gestione e pianificazione delle campagne di marketing sono incredibilmente influenzate dalla tecnologia e in balia della rapidità di aggiornamento frenetica che caratterizza il settore e che può determinarne le sorti velocemente.

Per gestire questa incertezza le aziende tecnologiche offrono servizi aggiuntivi sempre più diversificati e al di fuori della loro principale area di attività, abbracciando in molti casi il marketing e la pubblicità. Due considerazioni in particolare, tratte dal “Local Search Association’s 2017 Tech Adoption Index Survey” rivelano che i media e le agenzie pubblicitarie tradizionali hanno più di un buon motivo per allarmarsi:

  • il 60% delle PMI preferisce lavorare con un unico provider online, con modalità SaaS (software-as-a-service – per intenderci, come chi usa le app di google drive al posto dei programmi di microsoft office);
  • il 62% delle PMI preferisce acquistare servizi on-line da società tecnologichepiuttosto che dai media.

Con un numero crescente di attività fornite tramite portali online e un maggior numero di tech-company che offrono servizi di marketing, le PMI sposteranno i budget delle proprie campagne dalle agenzie pubblicitarie tradizionali verso le nuove agenzie web, le società tecnologiche e verso le start-up innovative.

Per continuare ad essere competitive le agenzie dovranno necessariamente tenere il passo con le ultime tecnologie, allinearsi con le novità del marketing e dimostrare prestazioni superiori, soprattutto nelle aree che finora erano distanti dai canali di visibilità tradizionali. Il local marketing, ad esempio, è uno di quei terreni fertili ancora pieni di opportunità e non va assolutamente sottovalutato. Soprattutto se vuoi migliorare la visibilità della tua impresa e se vuoi farti trovare da nuovi clienti quando sono in prossimità del tuo punto vendita.

Se ti interessa l’argomento e vuoi sapere come migliorare il posizionamento della tua attività sui motori di ricerca, chiedimi maggiori informazioni.

15 strumenti per il Content Marketing di cui non puoi fare a meno

15 strumenti per il Content Marketing di cui non puoi fare a meno

L’ 88% degli specialisti include il content marketing all’interno della propria strategia di marketing B2B. Tu fai parte di questo 88%?

In caso affermativo, sei consapevole dei vantaggi che genera questa decisione.

Altrimenti, è solo una questione di tempo. Se sei qui avrai già realizzato l’importanza di creare contenuti di valore per chi sta cercando servizi come i tuoi e ti starai organizzando per apportare i giusti cambiamenti e inserire un piano di content marketing all’interno della tua strategia generale, a partire da ora.

Ma se non l’hai fatto prima, da dove cominciare?

E come farlo nella maniera più corretta ed efficace possibile?

La buona notizia è che esistono una miriade di strumenti per il marketing a tua disposizione, che ti aiuteranno a organizzare il lavoro rapidamente e mettere in piedi una buona strategia efficace in poco tempo e con il giusto investimento.

Quindi che tu stia cominciando a considerare il content marketing adesso oppure che tu lo stia usando da tempo nelle tue strategie, questi 15 tool ti aiuteranno a risparmiare tempo ed energie per ottenere buoni risultati.

1. Analizzare ogni settore e trovare gli influencer di riferimento con BuzzSumo

Hai idea di quale tipo di contenuti stia facendo tendenza nel tuo settore in questo momento? Hai analizzato cosa sta offrendo la concorrenza al mercato? Quali sono i contenuti di valore che sta proponendo agli utenti?

BuzzSumo è lo strumento ideale per studiare il campo di battaglia, rivelandoti quali sono gli argomenti che dovresti trattare e aiutandoti a trovare quali sono gli influencer del tuo settore che possono promuovere i tuoi contenuti.

Grazie alle sintesi e ai report offerti da questo tool puoi scoprire velocemente quali sono stati i contenuti più condivisi sui social network e ottenere ancora tantissime informazioni. Individuare gli influencer leader di ogni area tematica, monitorare i contenuti che stanno condividendo e pianificare le attività di sensibilizzazione direttamente da qui.

Puoi impostare avvisi personalizzati, così da ricevere in tempo reale un avviso ogni volta che un’azienda utilizza una delle tue parole chiave, oppure ogni volta che un competitor pubblica un nuovo post, così da avere sempre tutto sotto controllo.

Con l’analisi della concorrenza, puoi tracciare le performance delle campagne dei tuoi competitor e paragonarli tra loro o con i risultati delle tue campagne.

Quando imposti la ricerca per qualsiasi parola chiave ti verrà mostrata una lista dei contenuti più performanti:

Tutto ciò rende questo strumento il massimo per progettare e calendarizzare il tuo piano editoriale. Ti consiglio di usarlo ancora prima di cominciare a scrivere le bozze dei tuoi post.

Una volta che hai risolto questi aspetti, ti propongo un tool per organizzare tutti i materiali che hai appena trovato.

2. Appunta, organizza e condividi il content marketing con Evernote

Ti piacerebbe avere un modo snello per rimanere organizzato e brieffato sui contenuti futuri? Hai bisogno di un contenitore dove infilare tutte le tue idee, dove il tuo team può accedere facilmente e collaborare?

La risposta a queste necessità si chiama Evernote. Puoi utilizzarlo da qualsiasi dispositivo ed è il sistema migliore per organizzare tutte le informazioni che hai precedentemente ricavato con le ricerche che hai svolto con la prima risorsa che ti ho presentato, BuzzSumo.

Quando salvi contenuti su Evernote puoi accedere poi da qualsiasi dispositivo, consultarli e lavorarli in ogni momento dal tuo pc o dal tuo smartphone.

Condividi le tue note in un posto che è sempre raggiungibile e avrai i tuoi contenuti sempre a portata di mano.

Allega immagini, pagine web e file PDF.

Accedi alle tue bacheche quando sei offline, cerca testi e immagini che avevi salvato precedentemente, aggiungi commenti alle immagini, sincronizza le note con i tuoi dispositivi; questo strumento ti offre tante possibilità.

Evernote è il miglior tool per organizzare i tuoi materiali per la tua strategia di content marketing.

Ora che hai messo in piedi una strategia è arrivato il momento di dare una bella spinta alla tua presenza online.

3. Misura la tua influenza online con Kred

Quando si parla di content marketing non possiamo pensare di aver finito il nostro lavoro con la produzione dei contenuti, nella speranza che le persone li leggano semplicemente perché li abbiamo pubblicati.

Devi individuare gli influencer che possono amplificare il messaggio sui social media e collaborare con loro.

Ed è in questa fase che Kred può esserti d’aiuto.

kred

La piattaforma misura l’influenza online analizzando la tua attività su Facebook e Twitter, così da suggerirti quali sono i leader del tuo settore che possono aiutarti concretamente nel veicolare i tuoi contenuti.

E a differenza di altri strumenti, Kred ti permette di costruire il tuo profilo personale da influencer, così da aumentare la tua presenza online.

La spinta che riceve la tua copertura personale online è un beneficio anche per i tuoi contenuti, che avranno più forza e impatto sugli utenti.

Kred è lo strumento ottimale per costruirti credibilità e fiducia online. Quando gli utenti cominciano a conoscerti, saranno più disposti a cliccare sui tuoi contenuti e a interagire con le tue campagne.

Ma è importante anche sapere che costituire un brand vincente è un lavoro di squadra. Il che ci porta su Trello, dove puoi gestire il tuo gruppo di lavoro senza troppa fatica.

4. Collabora facilmente con i membri del tuo team di content marketing grazie a Trello

La maggior parte delle aziende approccia una strategia di content marketing impiegando un intero team dedicato alla materia.

Trello esalta il lavoro di squadra portando la collaborazione a un altro livello, grazie a bacheche, check-list e schede dettagliate.

Questa è un’entusiasmante risorsa per organizzare il lavoro e la sua parte operativa, aiutando la pianificazione della scrittura, della pubblicazione e della condivisione dei contenuti.

I membri del team possono lasciarsi messaggi e condividere materiali l’un l’altro, tutto nello stesso posto, così da non lasciare nulla di scoperto all’interno del tuo piano di marketing.

Lì fuori è pieno di tool pensati per la collaborazione, ma senza dubbio Trello è tra i migliori. Il layout moderno e minimale lo rende estremamente intuitivo e ti permette di rimanere focalizzato su quello che c’è da fare.

Una volta in grado di collaborare col team è importante parlare di funnel e perché sono fondamentali quando si tratta di content marketing.

5. Creare i funnel con ClickFunnels

A prescindere se la tua azienda si concentra sulle persone online oppure offline, se sei presente su internet devi crearti un funnel di vendita.

Un sales funnel mostra il viaggio che porta i visitatori di un sito a diventare opportunità di vendita. Le opportunità poi si trasformano in vendite e i funnel diventano lo strumento per aumentare l’ordine medio della tua attività.

Potresti impiegare ore a progettare un funnel da zero, ma visto che siamo qui a passare in rassegna i migliori strumenti per facilitarti la vita, probabilmente vorrai usare ClickFunnels.

ClickFunnels è meraviglioso perché è una piattaforma drag-and-drop e ti permettere di prendere la mano con un argomento spinoso come la progettazione di un funnel di vendita che converta il traffico in acquisti, tutto in pochi minuti.

I modelli pre-impostati rendono il processo ancora più veloce. La parte migliore? I template sono pensati e realizzati in base ai fattori che hanno già funzionato in passato  per altre aziende.

Queste sono solo alcune delle attività che si possono iniziare sulla piattaforma:

  • Funnel di vendita
  • Funnel di iscrizione e membership
  • Auto-webinar funnel
  • A/B testing

E diventa veramente il massimo  quando lo compariamo con gli altri strumenti di automazione del marketing e i loro piani tariffari.

Ora i tuoi funnel sono operativi, ma come facciamo a sapere che il tuo audience stia prestando attenzione ai tuoi contenuti? Scopriamolo con Tweriod.

6. Twitta quando gli altri ti ascoltano con Tweriod

Se stai usando twitter per distribuire i tuoi contenuti, e dovresti farlo, è importante condividere quando il tuo pubblico di riferimento è online e sta prestando attenzione a quello che fai.

Grazie a Tweriod sei sempre in grado di capire quando è il momento migliore per pubblicare i tuoi tweet.

Puoi anche monitorare il momento in cui ricevi più menzioni e risposte.

Un report grafico ti mostrerà qual è in assoluto il miglior momento per raggiungere il tuo pubblico su Twitter.

pasted image 0 1282

Lo strumento gratuito analizzerà fino a 1000 dei tuoi follower.

Una volta ricevute queste informazioni sei certo di lanciare le tue campagne e i tuoi contenuti durante i picchi di presenza e di engagement, per portare l’audience a cliccare di più sui tuoi post.

Questo è esattamente il motivo per il quale hai iniziato a distribuire i tuoi contenuti su Twitter, non è così?

Ora che sai con precisione quando postare avrai certamente bisogno di buone immagini da condividere su Twitter. Ecco la mia migliore proposta.

7. Crea bellissime immagini per il content marketing con Canva

Quando condividi gli articoli del tuo blog vuoi essere sicuro che gli utenti possano trovarci immagini di alta qualità che siano in grado di attrarli e farli cliccare sui tuoi contenuti.

Ma Photoshop non è sempre uno strumento divertente (o economico) per realizzare le grafiche dei tuoi post. Progettare immagini con software professionali può richiedere più tempo del previsto e non darti sempre i risultati sperati.

Per fortuna, Photoshop non è l’unica soluzione disponibile sul mercato. Negli ultimi anni sono nati molti servizi per la grafica, ma quello che sto per presentarti è senza dubbio il mio preferito.

Benvenuto su Canva.

Su Canva trovi tantissimi modelli pre-impostati e totalmente personalizzabili. Chiunque può creare immagini e banner in poco tempo con Canva, e dotarsi di grafiche che i lettori ameranno.

Puoi selezionare i formati esatti per ogni piattaforma, che si tratti di una copertina per una pagina Facebook, di un post su Linkedin o di un blog post. Per esempio, il template per realizzare un banner per un determinato social media è già pre-impostato sul preciso numero di pixel che serve usare e Canva ti offre tantissimi esempi pronti che puoi modificare gratuitamente o con poco.

Puoi selezionare e trascinare gli elementi che trovi in questo tool meraviglioso, e scegliere tra la miriade di opzioni che trovi sulla piattaforma oppure caricare nuovi elementi dal web o dal tuo pc. E la cosa migliore è che sono gratis, per la maggior parte.

E infine, puoi usare Canva per creare accattivanti immagini e cartoline da postare sui tuoi account social e ricevere una maggiore copertura online.

In generale, questo strumento è ideale per creare immagini coordinate per qualsiasi genere di contenuto, anche offline.

Perciò una volta che hai ottenuto l’attenzione degli utenti verso i tuoi contenuti, grazie ad immagini accattivanti, ora devi migliorare la funzionalità del tuo sito web.

8. Domina la navigazione dei tuoi clienti con Uberflip

Uberflip è pensato appositamente per migliorare l’esperienza di fruizione dei contenuti dell’utente, ed è un grande aiuto per migliorare la conversione del tuo sito web e perfezionare i percorsi di navigazione dei tuoi clienti.

Principalmente è un insieme di strumenti utili per il content marketing, la lead generation e il supporto alle vendite. Ti consiglio di utilizzare Uberflip per gestire un blog, video, e-books e tutto quello che produci, tutto dallo stesso posto, così da ottimizzare i flussi di lavoro e avere una visione centralizzata delle tue attività.

In aggiunta a queste caratteristiche, Uberflip ti permette di creare bacheche di contenuti e sales streams così che l’interazione dei tuoi visitatori con il tuo brand sia costante e ininterrotta.

Uberflip è lo strumento perfetto per dare risalto ai tuoi contenuti e fornire un’esperienza totale ai tuoi clienti con il brand.

Ma non scordarti di tenere sempre un’occhio vigile sulla concorrenza.

9. SEMRush: la cassetta degli attrezzi per il content marketing digitale

SEMRush ti mette a disposizione un mondo di insight e dati relativi al posizionamento e ai motori di ricerca. Su quali parole chiave stanno investendo i tuoi competitor? Quali sono i formati dei loro annunci che stanno andando meglio?

Esatto, usa SEMRush per scoprirlo.

Con questo strumento puoi rapidamente vedere la lista di parole chiave che portano traffico ai tuoi concorrenti e il loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Puoi naturalmente scoprire anche quali sono le parole chiave per le quali la tua azienda si è posizionata meglio su google.

Ti basta inserire la url dentro SEMRush e riceverai una quantità di informazioni relative ai volumi e alle intenzioni di ricerca di cui probabilmente non immaginavi nemmeno l’esistenza.

Questa è una risorsa fondamentale per ogni digital marketer perché grazie a questo strumento puoi scoprire quali sono le migliori parole chiave del tuo settore e quali quelle che la concorrenza non ha ancora scoperto, guadagnando un importante vantaggio competitivo sul web.

Potresti addirittura scoprire di essere posizionato alla grande sui motori di ricerca per una parola chiave che non avevi considerato.

Con un po’ di lavoro, potresti addirittura portare un buon posizionamento fino alla prima pagina. Lo strumento offre tantissime altre opportunità. Per esempio, puoi controllare i backlink dei tuoi concorrenti – o i tuoi.

Provalo gratuitamente e ti basterà poco per non poterne fare più a meno.

Nel frattempo, puoi lavorare sulla tua strategia di distribuzione implementando un piano di email marketing per lanciare i contenuti che hai creato basandoti sulle parole chiave più redditizie dei tuoi competitor di riferimento.

10. MailChimp e l’email marketing

Partiamo da un assunto fondamentale: l’email è ancora la punta di diamante quando si parla di content marketing. L’utilizzo della posta elettronica dovrebbe essere parte integrante della tua strategia di marketing online e la soluzione perfetta per le tue necessità è proprio MailChimp.

Con MailChimp hai sempre a portata di mano tutto quello che ti serve per impostare le tue strategie email, sia da desktop che da mobile.

La cosa davvero meravigliosa è che lo strumento è gratuito (fino a un certo numero di invii e fino a un certo numero di iscritti nelle tue liste).

Le opportunità su questa piattaforma sono tante, certamente tra le più degne di nota c’è la possibilità di costruire una lista di indirizzi email di iscritti alla tua newsletter che sono realmente interessati ai tuoi contenuti. In più, hai mille modi di tracciare la loro attività.

Puoi addirittura monitorare metriche come la media di aperture di ogni campagna e il click rate, fino a misurare la media di iscritti in un dato periodo e quante persone scelgono di non ricevere più le tue comunicazioni..

Ora, diciamo che ti piacerebbe far partire le email automaticamente? Dai un’occhiata a GetResponse.

11. Lanciare campagne email ed eventi con GetResponse

Come abbiamo detto, l’email marketing ti porterà il più alto ritorno sull’investimento di ogni altro canale.

L’email è anche la chiave di volta per trattenere clienti e intrattenere con loro relazioni che portano alla fidelizzazione. D’altronde è ancora vero che costa di più acquisire un nuovo cliente che mantenere un cliente attuale, anche se molte aziende sembrano non dare importanza a questa considerazione.

GetResponse negli ultimi anni ha fatto passi da gigante per posizionarsi davanti a tutti gli altri software di email marketing. Come? Offrendo molto di più di un insieme di tools per la gestione delle email.

GetResponse utilizza l’automazione per lanciare eventi o email basandosi sulle azioni intraprese da un utente destinatario oppure dal passare di un certo intervallo di tempo.

Questo aspetto è incredibilmente prezioso ed è accessibile ad un prezzo molto vantaggioso all’interno di GetResponse.

MailChimp stesso offre soluzioni di automazione del marketing, e molti altri software stanno sviluppando questo aspetto integrandosi con i piani e le caratteristiche di GetResponse.

Ma GetResponse vuole ancora alzare il livello dell’asticella.

Presto lanceranno un sistema CRM (customer relationship management), così da offrirti la possibilità di supervisionare la relazione con i tuoi clienti dallo stesso posto dove stai lanciando le tue campagne email.

Questo è certamente uno dei migliori strumenti disponibili per l’email marketing perché è davvero completo e fa molto di quello che serve. La possibilità di automatizzare l’invio di eventi e usare funzionalità del CRM può dare grande slancio al tuo brand in generale.

E marchi promossi nella maniera corretta generano contenuti che valgono e che vengono recepiti dal pubblico con interesse.

Un altro modo importante per distribuire i tuoi contenuti è grazie all’utilizzo di pulsanti per la condivisione sui social.

12. Aumenta le condivisioni del content marketing con MashShare

Sarai d’accordo che dotarsi di pulsanti di condivisione sui social sia un must nel 2017.

MashShare ti permette di aggiungere accattivanti pulsanti di condivisione che i tuoi lettori non potranno fare a meno di notare.

Questo plugin si è conquistato l’attenzione deli sviluppatori perchè i suoi bottoni assomigliano a quelli che sono su Mashable.com.

L’idea di base è quella di portare sempre più persone a condividere i tuoi contenuti e che siano proprio i tuoi pulsanti ad ispirare gli utenti a fare ciò. Così quegli amici dei tuoi lettori che vedranno il tuo post potranno leggerlo e se gli piace, condividerlo a loro volta. La versione gratuita offre alcune caratteristiche limitate, ma puoi acquistare alcune integrazioni per aggiungere opzioni al plugin.

MashShare è utilizzato su più di 70.000 siti web e ha tra le migliori recensioni degli utenti sul sito dei plugin di WordPress.

Tra le integrazioni che puoi aggiungere al tuo MashShare c’è l’opzione “Select and Share” che ti permette di mostrare un pulsante di condivisione sul tuo sito ogni volta che un utente seleziona una parte del testo.

È disponibile anche un widget “Click to Tweet” da aggiungere al tuo MashShare.

Il plugin include:

  • un widget con i post più condivisi
  • contatori di condivisioni animati e accattivanti
  • supporta Open graph
  • supporta le card di Twitter
  • l’opzione di nascondere le condivisioni sotto un certo numero
  • supporta gli short link grazie a Bitly o Goo.gl
  • esiste una versione mobile-responsive integrativa
  • supporta solo Twitter e Facebook (altri networks possono essere aggiunti a pagamento)

Stimolare la condivisione sui social è grandioso, ma il posizionamento organico dei tuoi contenuti è la tua priorità se vuoi intercettare il traffico di ricerca e aumentare la conversione del tuo sito, ricevendo contatti, iscrizioni e acquisti. Ecco come puoi “spiare” i tuoi competitor di riferimento per scoprire il perchè e il per come sono posizionati così in alto sui motori di ricerca.

13. Scavalca la concorrenza con Ahrefs

La homepage di Ahrefs ti spiega subito di cosa si tratta:

Ahrefs ti aiuta a imparare come i tuoi competitor di riferimento sono riusciti a posizionarsi così in alto e cosa devi fare per scavalcarli.

Ahrefs ti permette di tenere sotto controllo i siti web della concorrenza di riferimento, quelli che hanno risultati sul web, e di tracciare i tuoi progressi.

Puoi tracciare il posizionamento sull’indice mobile, la frequenza degli aggiornamenti, i posizionamenti di siti web, delle parole chiave e molto altro ancora.

È una risorsa perfetta per fare delle ricerche prima di buttare giù i materiali per i tuoi contenuti. Pianifica i tuoi contenuti utilizzando quello che sta funzionando per i tuoi competitor e otterrai enormi risultati.

Una volta che hai creato un contenuto e l’hai pubblicato e distribuito, usa questo strumento per misurare quali sono le sue performance.

Hai guadagnato backlinks? Quante volte e con quale frequenza è stato condiviso sui social media? Puoi stare certo che l’informazione di Ahref sia aggiornata, perché lo strumento indaga 5-miliardi di pagine web ogni giorno.

Ora, se hai bisogno di aumentare la tua presenza sui social automatizzando la pubblicazione dei post, prova HootSuite.

14. Gestisci i social media con HootSuite

Dare in pasto agli utenti contenuti sempre nuovi e condividerli Coming up with content and then sharing it su una moltitudine di social network è fantastico per la tua attività, però richiede anche un sacco di tempo.

Questo è il motivo che spinge milioni di persone nel mondo ad usare HootSuite per gestire i post sui social media ottimizzando i tempi e azzeccando sempre il momento esatto per pubblicare, durante le ore di punta di interesse e di interazione con gli utenti.

Con questo strumento puoi organizzare i tuoi migliori contenuti e pubblicarli al momento ideale, senza essere fisicamente davanti al computer per farlo.

E puoi connettere HootSuite a più di 35 piattaforme social, incluso Pinterest.

Scrivi i tuoi post, lasciali in bozza, organizzali e pianificali sul calendario, controlla l’andamento dei tuoi contenuti sui social, tutto dalla stessa postazione, così da avere una preziosa visione d’insieme dell’andamento della tua strategia e migliorare l’engagement con il tuo pubblico.

Se pubblichi anche in inglese, ovviamente non ti puoi permettere nessun tipo di errore nei testi dei tuoi post e sul tuo blog. Per questo chiudiamo la rassegna con una risorsa fondamentale per chi ha questa necessità, un correttore automatico che difenderà l’autorevolezza dei tuoi contenuti in inglese sul web.

l’infografica: pianificare i contenuti online

15. Contenuti in inglese a prova di errore con Grammarly

Quando hai la necessità di pubblicare il inglese devi essere consapevole che gli utenti non si fideranno di te (né andranno a interagire con i tuoi contenuti) se ci trovano errori di spelling o di grammatica, a prescindere da quanto impegno metti nella scrittura e nel marketing dei tuoi contenuti.

E i normali correttori che trovi in default sugli editor di testo non sono sempre in grado di salvarti dal pubblicare errori di grammatica o di contesto sul tuo account.

Questo è il motivo per cui ti consiglio Grammarly.

A tutti può sfuggire un errore nella redazione di un contenuti, ma Grammarly è meraviglioso proprio perché fa una revisione istantanea dei tuoi contenuti in inglese prima ancora di pubblicarli.

Grammarly individua un’ampia varietà di errori relativo alla connessione dei verbi, l’utilizzo appropriato dei termini, il loro abuso e molto altro.

E se installi l’estensione di Grammarly per Chrome puoi revisionare i tuoi testi in inglese direttamente mentre li scrivi, da qualsiasi editor online, senza dover uscire da dove ti trovi per copiare e incollare il testo nel sito di Grammarly.

Il content marketing, in conclusione

La maggior parte degli specialisti di marketing B2B include il content marketing nella propria strategia generale.

Molto probabilmente, lo stai facendo anche tu.

E se non lo stai facendo ancora, è anche più probabile che ti organizzerai per cominciare presto.

Questi 15 strumenti di marketing sono le strade più facili da percorrere per sviluppare al meglio la resa e l’interazione degli utenti con i tuoi contenuti senza spendere un mucchio di tempo e di energie.

Ti consiglio di scegliere quelli che ti viene voglia di provare subito e controllare quali tra loro ti danno i risultati migliori.

Ognuno di questi strumenti si occupa del content marketing in qualche modo.

Hai bisogno di archiviare e condividere i tuoi piani editoriali? Prova Evernote. Vuoi automatizzare la crescita del tuo sito web? Dai una chance a Uberflip. Hai bisogno di migliorare le immagini del tuo blog? Corri a creare un account su Canva.

Che tu sia alle prime armi nel mondo del content marketing o che tu sia un professionista navigato, queste risorse sono essenziali per portare il tasso di conversione dei tuoi contenuti a un altro livello.

Grazie per aver letto il mio articolo e se lo hai trovato utile ricordati di farmi sapere:

quale strumento per il content marketing ti ha dato i risultati migliori?

Ti è piaciuto questo articolo? potrebbero interessarti gli errori di copertura nella nuova search console di google

  

Pin It on Pinterest